Le api e l’ambiente

Il legame tra le api e l’ambiente è molto stretto. Questi esseri espletano la loro grande e fondamentale utilità quali insetti impollinatori, quindi necessari per la conservazione della biodiversità. Nel contesto ambientale quindi, la produzione del miele è sicuramente di secondaria importanza.

Analoga circostanza è per i fiori, i quali secernono il nettare non per essere utili alle api bensì per attirarle per l’impollinazione. La biologia dei due esseri trova così compensazione. Si è quindi all’inizio di una complessa catena di eventi che concorre alla definizione dell’equilibrio dell’ambiente spontaneo. Si può quindi affermare che se per ipotesi dovessero scomparire le api, il nostro pianeta andrebbe sicuramente incontro a profondi mutamenti.

Il miele è parte importante dell’organizzazione e biologia delle api. Esse lo producono con grandi quantità di nettare e quindi lo immagazzinano. Le api sono tra i pochi insetti che costruiscono una famiglia per poi curarla e mantenerla durante l’inverno. Il miele stoccato consente quindi alla loro comunità di alimentarsi nella stagione più difficile, differentemente da quanto avviene per altre specie di Imenotteri sociali quali ad esempio i bombi e le vespe che svernano come individui isolati.

Nell’ambiente spontaneo, non è frequente l’estesa e abbondante mono-fioritura. Essa è, infatti, di maggior interesse per l’agricoltore che non per le api, per le quali l’eterogeneità delle fioriture è più che sufficiente per la loro attività. Queste piccole operaie, perfettamente integrate nella natura, hanno, infatti, un grande spettro di azione per quanto concerne la bottinatura.

Il microclima

Il microclima, poi, può definire condizioni di maggiore o minore favore: vi sono per loro zone climaticamente più adatte e altre meno. L’alta montagna, ad esempio, non è la più indicata, a seguito dei grandi freddi e della difficoltà di trascorrere il lungo inverno. Ulteriori difficoltà si riscontrano nelle zone troppo umide in quanto più favorevoli allo sviluppo di malattie specifiche, che incrementano la mortalità di questi preziosi insetti.

L’avvento della Varroa, acaro parassita della nostra ape mellifera, ne è un esempio.

Tutti gli ambienti possono in ogni modo ospitare le api a livello spontaneo. La maggiore o minore dimensione delle popolazioni dipenderà dalla quantità di alimento che il luogo offrirà loro, dal livello di sanità ambientale ed al microclima più adatto per dette popolazioni.

Le api e l’agricoltura

L’agricoltura si avvale in larga misura della collaborazione delle api.

Gran parte delle specie coltivate, orticole, frutticole e altre ancora necessitano degli insetti impollinatori. L’apicoltura può, con opportuni accorgimenti, coesistere e interagire con le pratiche colturali agrarie, sebbene alcune, come la difesa chimica, possano nuocerle notevolmente. Gli apicoltori, trasportando di loco in loco gli alveari, possono assecondare le fioriture, allontanandosi nel contempo dalle situazioni per esse più pericolose. Un’esperienza annotata in California ci offre un esempio particolare in merito al prezioso contributo di questi insetti, quando un’estesa moria di api, verificatasi alcuni anni addietro, ebbe come conseguenza diretta la mancata produzione di mandorle in estese superfici coltivate. Oggi, molti proprietari di aziende agricole richiedono agli apicoltori di trasportare gli alveari nei loro frutteti, rendendosi essi disponibili a pagare loro questo servizio.

L’agricoltura estensiva e soprattutto la monocoltura sono tuttavia negative per la vita delle api. In certi casi, si potrebbe verificare la loro scomparsa da alcuni ambienti. Colture di maggior rischio sono quelle estese di cereali come il mais e il riso. La rotazione agraria, un tempo più praticata, in cui i prati polifiti prendevano con frequenza parte all’avvicendamento, costituiva un’apprezzabile alternativa all’ambiente spontaneo della pianura.

L’ape deve quindi adattarsi progressivamente ai cambiamenti che il settore agricolo impone ai vari territori. I cambiamenti per opera dell’uomo sono tuttavia molto veloci e non attendono ai tempi di adattamento, necessariamente più lunghi, che questi insetti richiedono ai nuovi ambienti che si vanno via via costituendo.

Oasi e biodiversità

Importante e proiettata al futuro è la realizzazione di oasi ricche di biodiversità, in abbinamento a zone di monocoltura intensiva. Non di meno è la viticoltura e l’opportunità di considerare con dovuta attenzione la cura delle superfici a colonizzazione spontanea o la predisposizione di eterogeneità erbacea, arbustiva o arborea nell’ambito di dette superfici.

Le api quindi subiscono gli effetti, sia positivi sia negativi, che l’agricoltura induce all’ambiente. L’arrivo ad esempio dell’insetto noto come “farfallina bianca” (Metcalfa pruinosa), pur essendo negativo agli ambienti agricoli, è stato di grande opportunità per l’apicoltura, in quanto l’abbondante melata che produce è risultata un’inattesa nuova risorsa mellifera. Per contro, l’insetto (Dryocosmus kuriphilus Yasumatsu) che da alcuni anni parassitizza il castagno riducendone la vitalità risulta essere anche di gran danno alle popolazioni di api, poiché limita un’importante fioritura in uno specifico momento stagionale.

L’intensificarsi della monocoltura richiede poi opere colturali e trattamenti ricorrenti di difesa fitosanitaria che, con l’andare del tempo, anno dopo anno, divengono sempre più selettivi e letali.

Anni addietro, molti apicoltori abbandonarono alcuni areali piemontesi dove avvenivano significative morie di api. Con la sospensione dell’impiego di alcuni fitofarmaci allora utilizzati, il fenomeno si arrestò, a riprova del notevole pericolo che talune pratiche di maggior impatto ambientale possono costituire.

Il lavoro dell’apicoltore

L’apicoltura professionale oggi è nomade, vale a dire che gli apicoltori spostano gli alveari sulle fioriture più pregiate per ottenere differenti raccolti in purezza relativi alle singole specie vegetali e per produrre più miele e di migliore qualità. Esaurita quella monofloreale, dagli alveari sono tolti i melari e sostituiti, in modo da non mescolare il prodotto con mieli di differenti provenienze botaniche.

Gli apicoltori si accordano con i proprietari dei terreni affinché gli alveari possano permanere per un determinato tempo, in cambio di un certo quantitativo di miele: una sorta quindi di mezzadria amichevole con reciproco beneficio.

Edoardo Monticelli

CONDIVIDI L'ARTICOLO

Iniziamo a Collaborare

POSSO AIUTARTI A MIGLIORARE LA QUALITÀ E LA QUANTITÀ DELLA PRODUZIONE !

CONTATTAMI